Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE DI INFORMAZIONE SCOLASTICA


  speciali concorsiconcorsi 2020 speciale concorso straordinario speciale procedurabilitanteconcorso ordinario infanzia primariaspeciale aggiornamentogr

Si è svolto oggi mercoledì 13 maggio 2020 in videoconferenza, l’incontro informativo tra il Ministero dell’istruzione le organizzazioni sindacali, sul tema delle immissioni in ruolo dei docenti sui “cosiddetti” posti quota 100 dell’a.s. 2019/2020, il cui via libera era arrivato con il Consiglio dei Ministri del 7 aprile 2020.
quota 100AUTORIZZAZIONE PER L'ASSUNZIONE DI 4.500 DOCENTI
Si tratta di circa 9.000 posti complessivi derivanti dai pensionamenti c.d. "Quota 100" per i quali non è stato possibile procedere alle immissioni in ruolo, pur in presenza di soggetti iscritti nelle graduatorie utili.

iò in considerazione dei tempi di applicazione della disciplina relativa all'istituto c.d. “Quota 100”, che in molti casi non ha consentito la conferma di tali posti in tempo per le immissioni in ruolo dell'anno scolastico 2019\2020. Infatti, ricordiamo che i posti liberati dalla c.d. "Quota 100", prima di essere comunicati al SIDI e utilizzati dovevano essere confermati dall'INPS. Vi sono cioè circa 9.000 posti dei pensionamenti da quota 100 le cui pratiche sono state gestite tardivamente dall'Inps, per cui i posti non sono rientrati nel contingente delle immissioni in ruolo.
Il Consiglio dei Ministri ha però autorizzato l'assunzione per soli 4.500 docenti. Infatti, in base alla ricognizione effettuata sulle graduatorie da cui è possibile attingere per la stipulazione di contratti di lavoro a tempo indeterminato, sono circa 4.500 i docenti delle classi di concorso\ordini di scuola che hanno i requisiti per poter essere assunti. Per la restante quota dei posti vacanti e disponibili, non sono comunque presenti docenti da assumere nelle relative graduatorie (classi di concorso e Regioni).

DECORRENZA GIURIDICA E DECORRENZA ECONOMICA
La nomina avrà decorrenza giuridica dal 1° settembre 2019 e decorrenza economica dalla presa di servizio, che avverrà nell’a.s. 2020/2021. 
Questo significa che per i docenti assunti in questo modo è come se l'anno 2019/2020 sia stato giuridicamente svolto, con le relative conseguenze ai fini della mobilità e della ricostruzione di carriera. 

DISTRIBUZIONE DEI POSTI
I 4.500 posti saranno distribuiti fra le varie Regioni e classi di concorso in base alla disponibilità di posti vacanti e disponibili e tenendo conto delle graduatorie dove sono presenti candidati da assumere. Per le immissioni in ruolo si utilizzeranno le varie graduatorie esistenti secondo l'ordinaria ripartizione.

 50% GAE; 50% (Graduatorie di Merito). Nell'ambito di quest'ultime la priorità assoluta spetta alle GM2016 rispetto alle GM2018 (concorso straordinario per la scuola secondaria) e GM2019 (concorso straordinario per la scuola dell'infanzia e primaria).

PRIORITÀ NELLA SCELTA DELLA PROVINCIA RISPETTO ALLA MOBILITÀ E ALLE IMMISSIONI IN RUOLO 2020\2021
I soggetti così immessi in ruolo scelgono la provincia e la sede di assegnazione con priorità rispetto alle ordinarie operazioni di mobilità e di immissione in ruolo da disporre per lo stesso a.s. 2020/2021.

VINCOLO QUINQUENNALE?
Essendo la decorrenza giuridica dal 1° settembre 2019 si applicherà la normativa vigente al momento della decorrenza giuridica. In particolare per i docenti assunti dalle GM2018 (c.d. ex FIT) si applicherà il "vincolo quinquennale" di cui all'art. 13, co. 3, del d. lgs. 59/2017 che impone al docente di rimanere nella scuola dove ha svolto il periodo annuale di prova, nel medesimo tipo di posto e classe di concorso, per almeno altri quattro anni. Tale vincolo però, diversamente dal nuovo vincolo che entrerà in vigore a partire dall'anno prossimo, non si applica alle assegnazioni provvisorie, utilizzazioni e agli incarichi di supplenza di cui all'art. 36 del CCNL.
Per i docenti assunti dalle Graduatorie di Merito 2016 e dalle GAE tale vincolo non troverà applicazione.

GLI ALTRI 4.500 POSTI 
Gli altri 4.500 posti vacanti e disponibili saranno resi disponibili per le operazioni di mobilità (che però non modifica la consistenza nazionale) e per le immissioni in ruolo dell'anno scolastico 2020\2021.

I POSTI DISPONIBILI
Il Decreto Ministero sulle immissioni in ruolo sarà emanato nei prossimi giorni. Sono già disponibili in anteprima i dati dei posti disponibili, articolati per Regioni, ordine e grado di scuola.

TITOLI DI RISERVA
Nelle assunzioni si tiene conto delle quote di riserva, di cui agli articoli 3 e 18 della legge 12 marzo 1999, n. 68 e agli articoli 678, comma 9 e 1014, comma 3 del decreto legislativo 15 marzo 2010 n. 66.

SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
Per la sequenza delle operazioni, si rinvia all’allegato A – Personale docente. Istruzioni operative finalizzate alle nomine in ruolo per l’anno scolastico 2019/20 del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 31 luglio 2019, n. 688.


Vedi i posti disponibili

Pin It

MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

concorso a cattedra 2019

BANNER MNEMOSINE

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1